Home Page

     
<<< torna indietro  
   
Clicca per ingrandire
Paco. A drug story  
     
nell'ambito della mostra I Grandi Maestri. 100 Anni di fotografia Leica .17 gennaio 2018, ore 18.00 | Complesso del Vittoriano, Ala Brasini  
GRANDI MAESTRI, GRANDI STORIE

IL RACCONTO DEI PROTAGONISTI

I Grandi Maestri. 100 Anni di fotografia Leica si arricchisce di un ulteriore approfondimento intorno agli
interpreti presenti in mostra al Complesso del Vittoriano - Ala Brasini, grazie al ciclo di incontri
organizzato da Contrasto.
Presso la Sala Verdi, l’11 dicembre 2017 si dà il via con Alessandra Mauro che, a partire dai graphic novel
a loro dedicati, presenta due grandi maestri della fotografia: Henri Cartier-Besson e Robert Capa. Il 17
gennaio 2018 è la volta di Valerio Bispuri con l’esposizione del suo progetto Paco, da poco diventato un
libro, sulla una letale droga sudamericana che ha seguito per quattordici anni. Piergiorgio Branzi è invece il
protagonista dell’evento del 31 gennaio 2018 con il racconto della sua lunga ed eclettica carriera, dagli
esordi in Toscana fino all’esperienza di inviato Rai a Mosca per arrivare alle sue ultime sperimentazioni in
ambito fotografico. Invece il 7 febbraio 2018 il fotografo Lorenzo Castore e il regista Saverio Costanzo
illustrano di come un viaggio in India fatto più di venti anni fa abbia segnato una svolta nella loro capacità di
visione. Il ciclo di incontri si conclude il 13 febbraio 2018 con Gianni Berengo Gardin che, nell’ambito della
mostra al Vittoriano, ha ricevuto il Leica Hall of Fame Award “per la sua carriera e per il suo tanto
instancabile quanto eccezionale impegno di fotografo”.

11 dicembre 2017 ore 18.00 Sala Verdi
Henri Cartier-Bresson e Robert Capa: due vite a fumetti.
Incontro con Alessandra Mauro
L’evento è l’occasione per approfondire le vicende umane e professionali di Henri Cartier-Besson e Robert
Capa a partire da due graphic novel dedicati a momenti fondamentali nelle loro vite e carriere: Cartier-
Bresson, Germania 1945 e Robert Capa, Normandia 6 giugno 1944. Tra storia, fotografia e aneddotica,
Alessandra Mauro, direttore editoriale di Contrasto, accompagna in un percorso di approfondimento dei due
fotografi, capaci di riprendere sempre nel vivo delle vicende, con uno sguardo originale e insieme umano, e
con una capacità di costruire e raccontare una storia in immagini che li ha resi pionieri e, allo stesso tempo,
maestri riconosciuti della fotografia internazionale.

17 gennaio 2018 18.00 Sala Verdi
Paco. A drug story.
Incontro con Valerio Bispuri
Valerio Bispuri ha dedicato quattordici anni al suo progetto fotografico dedicato al paco, una droga letale
creata in Sudamerica con gli scarti della cocaina. Il fotografo racconta di come ha testimoniato con la sua
macchina fotografica quell’inferno di morti viventi che è la realtà dei consumatori di paco, per mostrare la
sofferenza e la vita nei ghetti periferici. Ha viaggiato tra Argentina, Brasile, Perù, Colombia e Paraguay e
condiviso la drammatica quotidianità̀ di queste persone. Diffusosi a partire dagli anni Novanta soprattutto nei
bassifondi di Buenos Aires e – in seguito – nelle favelas e nelle periferie di tutto il Sudamerica, il consumo di
paco è aumentato notevolmente agli inizi del Duemila. I giovani, che sono i consumatori più̀ assidui, arrivano
ad aver bisogno di assumere fino a venti dosi al giorno con conseguenze devastanti poiché dà immediata
assuefazione. Tra i vari aneddoti e vicende vissute, anche il racconto di quando, bendato per non
riconoscere il luogo, nel 2015 è riuscito a entrare nelle cosiddette “cucine della droga”, luoghi in cui questa
droga viene creata.






31 gennaio 2018 - 18.00 Sala Verdi
Il giro dell’occhio.
Incontro con Piergiorgio Branzi
Il primo incontro con la fotografia di Piergiorgio Branzi è stato nella sua Toscana, nei primi anni ’50. Da quel
momento la macchina fotografica diviene per lui un pretesto per girare prima l’Italia, poi il Mediterraneo,
finché il suo lavoro di giornalista televisivo non lo porta in giro per il mondo, dal Nord Africa a Mosca, dove
vive cinque anni in quanto inviato per la Rai. Approda poi a Parigi, città per la quale nutre un antico amore
visivo e che ha avuto modo di ammirare e rimirare più volte. “Il giro dell’occhio” in cui ci conduce Piergiorgio
Branzi con le sue fotografie, e con il suo racconto, è un turbine d’immagini e memorie, di ricordi, impressioni
e scelte meditate. Di osservazioni coerenti in cui lo sguardo è sempre pronto a percorrere il mondo, tracciare
e nominare la visione di profili di terre e di pietre.

7 febbraio 2018 - 18.00 Sala Verdi
Invito al viaggio.
Incontro con Lorenzo Castore e Saverio Costanzo
Nell’estate del 1997, il fotografo Lorenzo Castore e il regista Saverio Costanzo hanno intrapreso un viaggio
in India. C’era un terzo amico con loro, Giorgio Mortari, creatore e direttore artistico del Festival Dissonanze,
che se n’è andato qualche anno fa. Avevano 21, 22 e 23 anni. Un viaggio intenso e profondo, alla scoperta
dei luoghi, dell’altro e di sé stessi. Nelle sue stesse parole, da questa esperienza nasce il percorso di
Lorenzo Castore come fotografo. L’India ha segnato un prima e un dopo nella crescita personale e nel
lavoro di Castore, e lo stesso è significato per Costanzo e per Mortari. Insieme, Lorenzo Castore e Saverio
Costanzo, ripercorrono quindi le tappe di quel viaggio che ha rappresentato per entrambi una sorta di
illuminazione nella loro capacità di visione.

13 febbraio 2018 - 18.00 Sala Verdi
Scrivere con la macchina fotografica.
Incontro con Gianni Berengo Gardin
Vincitore del Leica Hall of Fame Award 2017, Gianni Berengo Gardin ripercorre le tappe salienti del suo
percorso personale e professionale: le fotografie, i libri, la vita. Un itinerario attraverso i suoi viaggi, gli
incontri, il lavoro e, soprattutto, la sua grandissima passione per i libri (ne ha pubblicati oltre 250).
L’avventura prediletta di Gianni Berengo Gardin, infatti, è sempre stata quella di realizzare fotografie che
potessero finire in un libro. Il suo lavoro si è sempre alimentato delle influenze intellettuali che gli derivano
dalle letture e dalle frequentazioni amicali. Per lui la macchina fotografica è “come la penna per lo scrittore,
uno strumento per raccontare le cose”.


Tutti gli incontri sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti (non sarà possibile riservare
preventivamente l’accesso).
Ai partecipanti verrà inoltre distribuito un coupon che, consegnato in biglietteria, garantirà l’accesso
in mostra con biglietto ridotto € 10 (le riduzioni non saranno cumulabili).



IMMAGINI E MATERIALE STAMPA AL LINK > http://bit.ly/LEICA_VITTORIANO


Uffici Stampa
Arthemisia
Adele Della Sala | ads@arthemisia.it
M. +39 345 7503572 | T. +39 06 69380306 – int. 288
Anastasia Marsella | am@arthemisia.it
M. +39 370 3145551 | T. +39 06 69380306 – int. 131
Salvatore Macaluso | sam@arthemisia.it
M. +39 392 4325883 | T. +39 06 69380306 – int. 332
press@arthemisia.it
T. +39 06 69380306 | T. +39 06 87153272 – int. 332

Contrasto
Valentina Notarberardino
vnotarberardino@contrastobooks.com
M. +39 366 6678862 | T. +39 06 32828237

Leica Camera Italia
Giada Triola | giada.triola@leica-camera.com
M. +39 334 673 5113 | T. +39 02 72740203
 
   
   
   
Ufficio Stampa Arthemisia