Home Page

     
<<< torna indietro  
   
Clicca per ingrandire
Premio Internazionale DOMUS Fassa Bortolo  
     
Restauro e Conservazione architettonica I vincitori della VI edizione - Salone Internazionale del Restauro Ferrara  
I vincitori della sesta edizione del Premio Internazionale DOMUS Fassa Bortolo
Un’edizione record per numero di partecipanti e paesi raggiunti valorizza interventi di alto livello



Il Premio Domus, Restauro e Conservazione, voluto ed ideato dall’azienda Fassa S.r.l. e dall’Università degli Studi di Ferrara è arrivato alla sua Sesta Edizione. L’iniziativa alterna annualmente ad una sezione riservata alle tesi di laurea, master e dottorato un’altra dedicata (come quest’anno) alle opere realizzate invece da professionisti. Il Premio rappresenta un importante momento d’incontro tra le eccellenze nel campo del restauro, della riqualificazione e del recupero architettonico e paesaggistico a livello internazionale. Quest’anno, per la prima volta nella sua storia, il panorama dei progetti che hanno preso parte alle selezioni si è esteso a tutti i continenti arrivando ad ospitare ben 105 contributi provenienti oltre che dall’Italia (circa il 40 %) da diversi paesi europei ed extraeuropei, tra i più lontani Cina, Giappone, Singapore, India, Brasile. USA e Australia.

La commissione, presieduta dall’Arch. Riccardo Dalla Negra, ordinario di restauro dell’Università di Ferrara, si è riunita presso la sede del Dipartimento di Architettura dell’Università. I tre membri esterni, la Prof.ssa Maria Adriana Giusti (Politecnico di Torino), il Prof. Francisco Javier Gallego Roca (Università di Granada) e l’architetto Maria Piccarreta (Soprintendente per l’Archeologia le belle arti e il paesaggio per le Province di Brindisi, Lecce e Taranto) coordinati dal Prof. Marcello Balzani, Vice-Direttore del Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara e Direttore del centro DIAPReM TekneHub, (rete alta tecnologia Emilia Romagna) hanno delineato la rosa dei vincitori.

La giuria ha deciso di assegnare la medaglia d’oro dell’edizione al progetto dello studio spagnolo dell’architetto Toni Girones, capace di recuperare la memoria delle rovine romane di Can Tacò in maniera davvero suggestiva. Le medaglie d’argento sono state invece suddivise in tre ex aequo, andati agli studi italiani di Maura Manzelle e di Carafa-Guadagno ed allo studio californiano di Marcy Wong e Donn Logan.

L’internazionalità dell’edizione è sottolineata anche dalle 8 menzioni d’onore assegnate a contributi provenienti oltre che dall’Italia anche da Germania, Spagna, India, Brasile e Irlanda e dagli ulteriori 10 progetti entrati nella shortlist finale (da Italia, Danimarca, Cina, Francia, Portogallo e Spagna).

Il Premio Speciale Fassa Bortolo, indirizzato verso coloro che “nel rispetto dei principi conservativi, della sostenibilità e della qualità architettonica abbiano saputo utilizzare le soluzioni appartenenti al Sistema Integrato Fassa Bortolo ovvero ai principali Sistemi a esso connessi” è stato assegnato alle due medaglie d’argento italiane (Manzelle e Carafa-Guadagno), evidenziando ancora una volta la qualità del partner aziendale dell’iniziativa, Fassa Bortolo, nei due interventi rispettivamente in Veneto e Puglia.

La cerimonia di Premiazione, prevista il 21 Marzo 2018 alle ore 18.00, per l’apertura del Salone Internazionale del Restauro, dei Musei e delle imprese Culturali avrà luogo nella prestigiosa cornice di Palazzo Tassoni Estense, sede del Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara.
Durante la premiazione saranno invitati a partecipare i vincitori e tutti i membri della giuria. Come ogni anno tale momento è visto come un’importante opportunità di discussione e condivisione sui temi del restauro architettonico e della riqualificazione urbana, con focus sui progetti realizzati.
Le quattro medaglie dell’edizione avranno infatti l’opportunità di illustrare le caratteristiche degli interventi durante la cerimonia stessa.
Il giorno seguente, 22 Marzo alle ore 10.00 presso il Salone stesso (Fiera di Ferrara), verranno presentati i progetti vincitori attraverso le parole della Giuria che con occhio attento ne sottolineerà le peculiarità.
Tutti i progetti in concorso saranno contestualmente esposti presso uno stand allo stesso Salone dal 21 al 23 Marzo 2018.
Ulteriori informazioni sui progetti finalisti saranno presto disponibili sul sito dell’iniziativa premiorestauro.it

MEDAGLIA D’ORO

Adaptation of the roman ruins of Can Tacó
Montmeló, Montornès del Vallès, Barcelona, Spain
Estudi d’Arquitectura Toni Gironès


MEDAGLIE D’ARGENTO EX-AEQUO

Restauro e recupero del castello di Ugento
Ugento (LECCE)
Studio Associato Di Architettura Carafa E Guadagno

Ford Assembly Building
Richmond, California, U.S.A.
Marcy Wong Donn Logan Architects

Residenza per anziani nel Pio Loco delle Penitenti
Venezia
Arch. Maura Manzelle


MENZIONI D’ONORE EX-AEQUO

Chiea Longobarda di San Martino
Vicenza
Angela Blandini e Gabriele Zorzetto

Monastery of San Juan Roof
Burgos, Spain
Jose Manuel Barrio and Alberto Sainz De Aja

Hawa Mahal Palace of Winds
Badi Chopar, Jaipur, Rajasthan, India
Minakshi Jain, Kulbhushan Jain, Vijay Arya, Meghal Arya

Restauro delle mura urbane di Pisa, del sistema fortificato e delle aree limitrofe
Pisa
Marco Guerrazzi

Medieval mile museum
Kilkenny, Ireland
Mccullough Mulvin Architects

Castor Delgado residence
São Paulo, Brazil
José Armênio De Brito Cruz, Piratininga Arquitetos Associados

Casa del Condestable
Pamplona, Spain
Tabuenca & Leache, Arquitectos

UNESCO World Heritage Site Cloister Lorsch
Lorsch (Hesse), Germany
TOPOTEK 1 + HG Merz Architekten


PREMIO SPECIALE FASSA BORTOLO EX-AEQUO

Restauro e recupero del castello di Ugento
Ugento (LECCE)
Studio Associato Di Architettura Carafa E Guadagno

Residenza per anziani nel Pio Loco delle Penitenti
Venezia
Arch. Maura Manzelle

 
   
   
   
CULTURALIA DI NORMA WALTMANN