Home Page

     
<<< torna indietro  
   
Clicca per ingrandire
My Little Big Data  
     
EVA & FRANCO MATTES - a cura di The Blank Contemporary Art e promosso da GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo  
EVA & FRANCO MATTES
My Little Big Data
My Little Big Data è una riflessione sul significato del “vivere connessi” e su quanto la nostra vita pubblica e privata stiano diventando quasi indistinguibili.
Oggi sappiamo che ogni byte di informazione generato dalla nostra vita può essere potenzialmente osservato, ma cosa sanno esattamente di noi questi algoritmi e le persone che li gestiscono? È possibile che le nostre scie di dati ci conoscano meglio di noi stessi? My Little Big Data is a reflection on the meaning of "connected living" and how much our public and private life are becoming almost indistinguishable.
Today we know that every byte of information generated by our life can be potentially observed, but what exactly do these algorithms and the people who manage them know about us? Is it possible that our data trails know us better than ourselves?
Ogni nostra azione online lascia una traccia invisibile sepolta nei dati.
Nel loro insieme queste tracce possono rivelare dettagli molto intimi su di noi, ad esempio i cambiamenti negli stati emotivi, le relazioni interpersonali, la visione politica o la posizione geografica. Le nostre informazioni personali sono costantemente raccolte, organizzate, analizzate e vendute da una serie di attori come agenzie governative, social media, istituti bancari o applicazioni per smartphone. Tutte queste entità sono in competizione per influenzare il comportamento degli utenti, traducendolo in profitto e consenso politico. My Little Big Data è un’indagine fai-da-te che mira a rivelare la forma e la misura in cui i nostri dati personali possono essere estratti e sfruttati. Each of our online actions leaves an invisible trace buried in the data.
Taken together these traces can reveal very intimate details about us, such as changes in emotional states, interpersonal relationships, political vision or geographic location. Our personal information is constantly collected, organized, analyzed and sold by a range of actors such as government agencies, social media, banking institutions or smartphone applications. All these entities are competing to influence user behavior, translating it into profit and political consensus. My Little Big Data is a do-it-yourself survey that aims to reveal the form and extent to which our personal data can be extracted and exploited.
Eva e Franco Mattes, in collaborazione con la Share Foundation di Novi Sad, hanno analizzato i metadati di oltre 70.000 e-mail personali inviate e ricevute tra il 2007 e il 2017, ricavandone “psicografici” che interpretano questi dati, i network personali e interpersonali dei due artisti, le loro abitudini comportamentali, i pattern ricorrenti e le anomalie. Eva and Franco Mattes, in collaboration with the Share Foundation of Novi Sad, analyzed the metadata of over 70.000 personal emails sent and received between 2007 and 2017, obtaining "psychographic" interpretations of these data, personal and interpersonal networks of the two artists, their behavioral habits, recurring patterns and anomalies.
I risultati dell’analisi sono tradotti in un’installazione composta da chilometri di cavi colorati, "psicografici" stampati su mobili per ufficio e un video essay. The results of the analysis are translated into an installation composed of kilometers of colored cables, "psychographics" printed on office furniture and a video essay.
Utilizzando strumenti informatici e algoritmi di analisi gli artisti aspirano a creare una nuova consapevolezza dell’attuale sfruttamento dei dati e del loro potenziale utilizzo, trasformando queste tecnologie in uno strumento accessibile a tutti, per dare vita a nuove narrative per comprendere e sperimentare creativamente con esse. Using computer tools and analysis algorithms, artists aspire to create a new awareness of the current exploitation of data and their potential use, transforming these technologies into an instrument accessible to all, to give life to new narratives to understand and experiment creatively with them.
My Little Big Data è un progetto degli artisti Eva e Franco Mattes a cura di The Blank Contemporary Art e promosso da GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo e Fotomuseum Winterthur, in collaborazione con istituzioni quali: Biennale di Atene, Atene; Istituto Italiano di Cultura, Barcellona; Goldsmiths University, Londra; New School University, New York. Il progetto è vincitore della terza edizione del bando Italian Council (2018), concorso ideato dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, per promuovere l’arte contemporanea italiana nel mondo. My Little Big Data is a project by the artists Eva and Franco Mattes, curated by The Blank Contemporary Art, and promoted by GAMeC - Gallery of Modern and Contemporary Art of Bergamo and Fotomuseum Winterthur, in collaboration with institutions such as: Athens Biennial, Athens; Italian Institute of Culture, Barcelona; Goldsmiths University, London; New School University, New York. The project is the winner of the third edition of Italian Council (2018), a competition conceived by the Directorate - General for Contemporary Art and Architecture and Urban Peripheries (DGAAP) – an organism of the Italian Ministry for Cultural Heritage and Activities, to promote Italian contemporary art in the world.
Eva e Franco Mattes (Brescia 1976. Vivono e lavorano a New York, USA), compongono un duo, inizialmente noto come 0100101110101101.org, che collabora dal 1995. Sono considerati tra i rappresentanti di punta della Net Art. I loro progetti nascono dalla spiccata capacità di comprensione e utilizzo dei nuovi media. Per più di 20 anni hanno costantemente prodotto lavori che rispondono e sviscerano la nostra condizione di vita iper-connessa, esponendone, spesso con umorismo, le più profonde implicazioni etiche e politiche. Eva and Franco Mattes (Brescia 1976. They live and work in New York, USA), are a duo, initially known as 0100101110101101.org, which has been working since 1995. They are considered among the leading representatives of Net Art. Their projects are born from strong ability to understand and use new media. For more than 20 years they have constantly produced works that respond and dissect our hyper-connected condition of life, exposing them, often with humor, to the most profound ethical and political implications.
 
   
   
   
The Blank Contemporary Art